Il sistema di codifica

Il Sistema di Codificazione NATO si basa sul principio one item - one number, in quanto un numero di codificazione individua uno ed un solo articolo di rifornimento, questo principio consente di evitare le duplicazioni e di usufruire dei benefici del sistema di codificazione quali:

  • approvvigionamenti consolidati
  • impiego effettivo delle scorte
  • limitazione delle scorte
  • utilizzo di parti dismesse
  • utilizzo di un linguaggio comune nel supporto logistico
  • possibilità di gestioni automatizzate

Il Sistema di Codificazione NATO permette di classificare, identificare ed attribuire un Numero Unificato di Codificazione (NUC) ad ogni articolo di rifornimento. Permette inoltre, di ottenere la massima funzionalità del sistema logistico e di facilitare , conseguentemente, la gestione dei materiali. Per tali ragioni il sistema è stato accettato all'unanimità ed adottato da tutti i Paesi firmatari del trattato NATO. In campo Internazionale il suo impiego si basa sul principio che il Paese ove risiede la ditta costruttrice è responsabile della codificazione dei materiali, anche se questi non sono impiegati dalle proprie FF.AA. Ciò significa che il paese acquirente deve richiedere al paese produttore di effettuare la codificazione.

Attività primaria

Disponiamo di una esperienza ultra ventennale, maturata tramite corsi di formazione, aggiornamenti tecnici e continui incontri presso SEGREDIFESA, per lo sviluppo e test del programma di codifica SIAC. L'attività di codifica è ormai parte integrante di ogni contratto con le FF.AA. (Carabinieri compresi), SEGREDIFESA ha recentemente introdotto una nuova serie di normative, la ns. società è già pronta a renderle operative. Siamo in grado di realizzare etichette con codice a barre in standard EAN 128, come richiesto dalle vigenti normative di codifica.